Il «minimo vitale», lo stato di necessità e il contrasto dell’esclusione sociale