L'universalità del Linguaggio, fra origine gestuale e soggettività verbale (parte seconda)