Gli incubi del narratore. Quelli del colera e la logica della folla