La ragionevole incertezza che regge il contratto aleatorio