Punto cieco. Isou, Debord, Monteiro e la negazione dell'immagine