Croce, Contini e la "critica degli scartafacci"