Il territorio della Calabria risulta ampiamente interessato dallepiù svariate fenomenologie franose che mostrano una particolareintensità nell’ambito delle rocce cristalline interessate, spesso, daprofondi processi di alterazione (GUZZETTA, 1974; IETTO, 1975).Con riferimento a quest’ultimo aspetto è noto che nelle aree incui sono presenti rocce cristalline, diffusamente presenti in tuttoil globo, la stabilità dei versanti, e più in generale la dinamicaevolutiva degli stessi, risulta fortemente condizionata daglispessori di roccia attaccati dai processi d’alterazione edall’intensità raggiunta dagli stessi (DEERE & PATTON, 1971;CASCINI et alii, 1992; LACERDA & SANTOS, 2000; CALCATERRAet alii, 1996; BORRELLI et alii, 2012).In relazione a quanto evidenziato, alcune esperienzedisponibili in letteratura delineano l’utilità della cartografia delgrado di alterazione e dei profili di alterazionenell’identificazione di elementi di omogeneità per definitecategorie di instabilità di versante (Cascini et alii, 1992; Borrelliet alii (2012). Pertanto, si è ritenuto di approfondire l’utilizzodella metodologia proposta da CASCINI et alii (1992), GULLÀ &MATANO (1994), BORRELLI et alii (2012) in un contesto diparticolare complessità geologico-strutturale. In particolare, lapresenza di fenomeni franosi che periodicamente produconoingenti danni ha fatto cadere la scelta su di un’area campione,dell’estensione di circa 57 km2, posta nel comprensorio delcomune di Longobucco (CS), corrispondente alla porzioneoccidentale del bacino del Fiume Trionto, la quale risultaparticolarmente complessa e significativa nel contesto regionale.

Carta del grado di alterazione e categorie di frane nell’alta valle del Fiume Trionto (Calabria, Italia)

CRITELLI, Salvatore
;
2012

Abstract

Il territorio della Calabria risulta ampiamente interessato dallepiù svariate fenomenologie franose che mostrano una particolareintensità nell’ambito delle rocce cristalline interessate, spesso, daprofondi processi di alterazione (GUZZETTA, 1974; IETTO, 1975).Con riferimento a quest’ultimo aspetto è noto che nelle aree incui sono presenti rocce cristalline, diffusamente presenti in tuttoil globo, la stabilità dei versanti, e più in generale la dinamicaevolutiva degli stessi, risulta fortemente condizionata daglispessori di roccia attaccati dai processi d’alterazione edall’intensità raggiunta dagli stessi (DEERE & PATTON, 1971;CASCINI et alii, 1992; LACERDA & SANTOS, 2000; CALCATERRAet alii, 1996; BORRELLI et alii, 2012).In relazione a quanto evidenziato, alcune esperienzedisponibili in letteratura delineano l’utilità della cartografia delgrado di alterazione e dei profili di alterazionenell’identificazione di elementi di omogeneità per definitecategorie di instabilità di versante (Cascini et alii, 1992; Borrelliet alii (2012). Pertanto, si è ritenuto di approfondire l’utilizzodella metodologia proposta da CASCINI et alii (1992), GULLÀ &MATANO (1994), BORRELLI et alii (2012) in un contesto diparticolare complessità geologico-strutturale. In particolare, lapresenza di fenomeni franosi che periodicamente produconoingenti danni ha fatto cadere la scelta su di un’area campione,dell’estensione di circa 57 km2, posta nel comprensorio delcomune di Longobucco (CS), corrispondente alla porzioneoccidentale del bacino del Fiume Trionto, la quale risultaparticolarmente complessa e significativa nel contesto regionale.
Alterazione; Categorie di frane; Profili di alterazione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/136336
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact