Dal linguaggio-azione al linguaggio-istituzione. Natura e artificio nella riflessione linguistica e giuridica del Seicento e Settecento