La malattia contagiosa di un gentiluomo. A proposito di una novella papiniana che piacque a Pirandello