L'intuizione dell'esecutore e il rigore dell'analista: la prospettiva schenkeriana