L'arte di Proteo nelle edizioni di un intellettuale del Seicento: Anton Giulio Brignole Sale