Diogene di Apollonia e lo stallo della metafisica