“Physica experimentalis sive scientia naturae” di P. Simpliciano da Napoli. La collocazione dell’autore rispetto ai “Veteres” e ai “Recentiores”: un tentativo di ricostruire il contesto culturale in cui si muove