Libertà dell'arte vs. libertà religiosa. Il caso della censura cinematografica