Il saggio prende ad oggetto del suo discorso, partendo dal pensiero di Jacques Rancière, lo statuto dell'immagine come operazione-tra-immagini e sistemi di discorsività. Non esiste nessuna naturalità sensibile dell’immagine, nessuna mitica purezza. L’immagine è sempre iscrizione di un "soprasensibile" sociale nel "sensibile" naturale, determinazione di uno scarto tra la presenza e il discorso, tra una immagine e l’altra, che non la rende mai pacificamente identica a se stessa. Il saggio prende in analisi oltre ad autori quali Benjamin, Warburg, Didi-Huberman, registi come Ejzenstejn, Epstein e Godard, che ha espressamente messo in opera nelle "Histoire(s)" e teorizzato il carattere non "unitario" dell'immagine:«La base è sempre due, presentare sempre all’inizio due immagini anziché una, è questo che io chiamo l’immagine, l’immagine fatta di due».

Lo spazio-tra dell'immagine / DE GAETANO, Roberto. - In: FATA MORGANA. - ISSN 1970-5786. - 9(2009), pp. 123-141.

Lo spazio-tra dell'immagine

DE GAETANO, Roberto
2009

Abstract

Il saggio prende ad oggetto del suo discorso, partendo dal pensiero di Jacques Rancière, lo statuto dell'immagine come operazione-tra-immagini e sistemi di discorsività. Non esiste nessuna naturalità sensibile dell’immagine, nessuna mitica purezza. L’immagine è sempre iscrizione di un "soprasensibile" sociale nel "sensibile" naturale, determinazione di uno scarto tra la presenza e il discorso, tra una immagine e l’altra, che non la rende mai pacificamente identica a se stessa. Il saggio prende in analisi oltre ad autori quali Benjamin, Warburg, Didi-Huberman, registi come Ejzenstejn, Epstein e Godard, che ha espressamente messo in opera nelle "Histoire(s)" e teorizzato il carattere non "unitario" dell'immagine:«La base è sempre due, presentare sempre all’inizio due immagini anziché una, è questo che io chiamo l’immagine, l’immagine fatta di due».
Cinema ; Immagine; Estetica
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11770/138993
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact