SE NON MI CERCHI, CI SONO. NOTE SUL “METAREBUS” DI KANT E L’ORNITORINCO