Su alcune recenti interpretazioni del fenomeno mafioso