Dalla presunta innocenza dell’imputato alla presunta efficienza del sistema penale