Per una pedagogia della differenza. Alcune riflessioni