La categoria civilistica sostiene la "regula iuris" previdenziale