L'oppositore politico, "estraneo e nemico della stirpe"