La doppia strada del reale: De seta e Rossellini