Ripensare Dewey per la contemporaneità