Il doppio e il virtuale