Henry More e la riflessione scientifica di Newton