Quando tacere non è un atto comunicativo. Silenzio e pudore del corpo