Iconografie mutanti. Il caso di Pietro del Morrone (e Celestino V)