Lingua, musica e identità: la doppia vita di un gergo