La psicoanalisi come pratica linguistica di emancipazione individuale e collettiva da Freud ad Apel