Il giudice penale come Ianus bifrons: un auspicabile ‘strabismo’ interpretativo