The Mezzogiorno: a bias for hope?