L’articolo esamina le implicazioni, per l’ordinamento delle regioni a statuto speciale, della riduzione del numero dei consiglieri regionali. La decisione, dettata dalla necessità di ridurre la spesa pubblica, comporta una compressione dell’autonomia regionale differenziata. Il ‘privilegio’ storico di fondare la propria autonomia su statuti costituzionalizzati si rivela un’arma a doppio taglio e produce di fatto uno svantaggio. Nell’articolo si ipotizzano strade alternative alla soluzione più ovvia di rimettere ogni decisione in proposito al parlamento nazionale.

La modifica dimensionale dei Consigli regionali: una trappola per le Regioni speciali / Louvin, Roberto. - In: QUADERNI REGIONALI. - ISSN 1593-862X. - :1(2012), pp. 99-114.

La modifica dimensionale dei Consigli regionali: una trappola per le Regioni speciali

LOUVIN, Roberto
2012

Abstract

L’articolo esamina le implicazioni, per l’ordinamento delle regioni a statuto speciale, della riduzione del numero dei consiglieri regionali. La decisione, dettata dalla necessità di ridurre la spesa pubblica, comporta una compressione dell’autonomia regionale differenziata. Il ‘privilegio’ storico di fondare la propria autonomia su statuti costituzionalizzati si rivela un’arma a doppio taglio e produce di fatto uno svantaggio. Nell’articolo si ipotizzano strade alternative alla soluzione più ovvia di rimettere ogni decisione in proposito al parlamento nazionale.
regioni speciali consigli regionali
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11770/147035
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact