Intelligence: un problema di comunicazione istituzionale?