«Pupara sono». Il teatro bruciante dela poesia di Jolanda Insana