La network society tra ontologia (quasi) emozionale e nuovo umanesimo pedagogico