Una scrittura a-linguistica? Qualche riflessione a partire da Peirce