Spostamenti: il cinema come opera-mondo