Il naufragio dell'iper-romanzo intertestuale: «L'isola del giorno prima» di Umberto Eco