Editoriale. Confini porosi, spazi di frizione, luoghi in transizione: l’Europa e le migrazioni internazionali