Indennità di cessazione del rapporto spettante all’agente e incidenza del diritto comunitario sull’ordinamento interno: la cassazione conferma la funzione premiale dell’indennità, con qualche puntualizzazione