De raptu Proserpinae 2. 326-60 e Properzio 4.11: tra intertestualità e critica del testo