Di nuovo, sull'assimilazione della meritevolezza alla ragionevolezza: il caso delle clausole claims made