Paesaggi “interni”: governare la fragilità