Costituzione e Beni comuni: una categoria giuridica auspicabile?