Ontologia e formazione. La vecchiaia come kairos e riappropriazione