L'ira buona di Marco Lombardo. Parlando di libertà del cuore del 'Purgatorio'