Wittgenstein contro Sraffa: un'antropologia senza storia