Verbum sacrum. La zoè e il bios delle parole