Erotismo della morte o ciclo di isteresi: la perversione tra Barthes e Deleuze