La protezione «umanitaria» e l’interpretazione «sistematica»